COLLECTIONWEB

IL MONDO DEL COLLEZIONISMO

Scritto il: giovedý, 3 settembre 2009 - 17:06:48

FILATELIA

COSA E'?

Filatelia è il termine con cui si identifica il collezionismo di francobolli.

LA STORIA

 

L'hobby del collezionare e classificare le carte valori postali ebbe inizio a fine Ottocento in Gran Bretagna e Francia. Nel XX secolo si sviluppo e allargò il suo interesse non solo al singolo francobollo ma ad interi postali, annulli, tariffe postali, percorsi di invio dei documenti e alla semplice immagine che sul francobollo era rappresentata. Nel tempo anche il modo di collezionare i francobolli è cambiato. Nei primi anni spesso veniva conservata la sola vignetta e ritagliato tutto il margine (in quanto i francobolli erano privi della dentellatura) rimanente. Le vignette venivano poi totalmente incollate ai fogli preposti all’esposizione. Successivamente si diede più importanza alla conservazione dell’oggetto, tanto che si cominciarono a collezionare i francobolli integri, ma con l’applicazione di una linguella nella parte retrostante che danneggiava parte della gommatura. Tale applicazione ha originato quei francobolli ancora collezionati, detti propriamente "linguellati", che di norma hanno quotazione inferiore a quella degli esemplari nuovi con gommatura integra. Con l’avvento delle plastiche e dunque delle taschine da collezione si è abbandonata per sempre l’idea della linguella e l’attenzione è andata concentrandosi sui valori nuovi, senza linguella e perfettamente conservati. Inoltre, l’attenzione dei collezionisti, si è spostata dagli esemplari usati, ossia regolarmente viaggiati per posta, verso i valori nuovi. Questo in quanto il desiderio del possesso di una prova di provenienza si è spostato verso la ricerca di rarità. Con l’applicazione del presupposto di rarità si è soddisfatto uno degli elementi tipici di un bene economico che ha permesso la nascita di un mercato finanziario con cataloghi riportanti le quotazioni degli esemplari. Al contrario, precedentemente, vi erano solo listini prezzi che impegnavano le singole ditte filateliche emittenti.

Strumenti della filatelia

Strumenti necessari allo svolgimento della filatelia sono: la lente di ingrandimento, le pinzette, l’odontometro, il filigranoscopio, uno o più album ed il catalogo.

  • La lente serve per vedere i particolari della vignetta e dei dentelli al fine di individuare, là dove esistano, le imperfezioni eventuali o le differenze e i sottotipi, ad esempio tra due francobolli della stessa emissione, ma anche eventuali contraffazioni. La sua evoluzione è il contafili, strumento usato anche dagli orafi, che ingrandisce a partire da 4 x. È particolarmente utile per scovare i sottotipi nelle emissioni ordinarie di Francia e Germania.
  • Le pinzette hanno lo scopo di toccare i francobolli senza maneggiarli e dunque senza lasciare su di essi alcuna traccia o umidità, infatti, in particolare, la sudorazione delle dita risulta dannosa alla gomma. È buona regola usarle sempre quando si lavorano i francobolli.
  • L’odontometro serve a misurare la dentellatura dei francobolli ed esattamente lo spazio che si interpone fra i dentelli. Conoscere l’esatta dentellatura consente di classificare correttamente ogni francobollo.
  • Il filigranoscopio è una piccola bacinella nera dove bagnando il francobollo con gocce di benzina rettificata o acqua distillata è possibile delineare perfettamente la filigrana (analisi possibile solo nei francobolli usati, per non danneggiare la gomma).
  • L’album o il classificatore, è un volume composto di più pagine rilegate dove apposite strisce o taschine consentono il mantenimento del francobollo in condizioni ottimali. La sua evoluzione tecnologica è l'Album ad anelli, composto da pagine con i listelli, tenute insieme da gruppi di 4 o 22 anelli, con modelli anche per i collezionisti più esigenti.
  • Il catalogo è indispensabile perché costituisce la bussola di riferimento per classificare i francobolli in base a: stato emittente, anno di emissione e varietà, oltre che consentirne una indicativa collocazione economica.

Requisiti tecnici del francobollo

Tutti i francobolli possono essere collezionati. Esistono però alcuni requisiti che consentono il riconoscimento di un buon esemplare da collezionare a discapito di altri. La prima distinzione va fatta tra i francobolli nuovi e i francobolli usati.

Per francobolli nuovi si intendono quelli che non hanno assolto il loro compito di pagamento verso un servizio postale. I francobolli nuovi presentano al verso la loro gomma originale. Quest'ultima può essere integra oppure presentare la traccia di una precedente linguella cosa che determina un considerevole deprezzamento. In base allo stato di conservazione della gomma, si hanno varie categorie che ne contrddistinguono la qualità, è vengono descritte con le seguenti sigle internazionali: MNH (gomma integra, mai lingellata); MVLH (gomma con traccia di linguella quasi impercettibbile); MLH (gomma con leggera traccia di linguella); MH (gomma con resti di linguella o carta)

Per francobolli usati si intendono quelli che presentano al recto un timbro postale. Se l'annullo non presenta la data leggibile o è particolarmente deturpante si determina anche in questo caso un considerevole deprezzamento.

Requisiti necessari per un francobollo di buona qualità

La qualità è il parametro fondamentale per determinare il valore di un francobollo. Per i francobolli nuovi si basa sulla freschezza della gomma al verso, la quale spesso si può essere deteriorata a causa di una cattiva conservazione in ambiente umido, con creazione di punti di ossidazione o più estesi ingiallimenti.

  • I dentelli devono essere tutti presenti e di lunghezza omogenea ad eccezione di quei francobolli emessi senza dentellatura che devono presentare una buona marginatura.
  • La centratura della vignetta molto buona, ovvero una eguale porzione di margine tra i quattro lati della vignetta e la dentellatura.
  • La carta non assottigliata o con tracce di abrasione.
  • Il colore ben marcato e senza tracce di scoloritura.
  • La gomma deve essere integra e priva di ingiallimenti.
  • Se il francobollo è usato, l'annullo deve avere la data leggibile e non deve essere deturpante.

Francobolli rotti o in pessime condizioni

Occorre chiarire che nella nostra collezione personale possiamo inserire tutti i francobolli che vogliamo. Ogni singolo francobollo è un vero e proprio frammento di storia unica ed irripetibile indipendentemente dallo stato di conservazione. Va però fatto notare che in filatelia (commercio, scambio, esposizioni) i francobolli rotti o difettosi non hanno praticamente valore ad eccezione dei francobolli frazionati per l'uso postale e delle grandi rarità che una bassa percentuale di valore (5 - 10%) la conservano ugualmente.

  • Sono definibili come francobolli rotti:
    • Francobolli con parti mancanti
    • Francobolli strappati o tagliati
    • Francobolli bucati
    • Francobolli con dentelli mancanti
    • Francobolli con abrasioni al recto
    • Francobolli assottigliati al verso
    • Interi postali ritagliati (*)
  • Sono definibili come francobolli in pessimo stato di conservazione:
    • Francobolli con leggero assottigliamento al verso
    • Francobolli con pieghe
    • Francobolli con dentelli corti
    • Francobolli rovinati dall'umidità
    • Francobolli con ingiallimenti della gomma

(*)= In alcuni casi di emergenza o per scarsa reperibilità di francobolli alcuni interi postali esistono ritagliati nella parte della vignetta e usati come francobolli. Tali usi sono rari (interessanti per la Storia postale) e sono conosciuti in tutti i paesi. Negli USA e nei paesi anglosassoni vengono tuttavia collezionati anche i ritagli degli Interi postali, tradizionalmente considerati negli album, fin dai primissimi anni della loro comparsa. Anche se quasi contemporanei gli interi sono nati pochi mesi dei francobolli, per opera sempre delle Poste Reali Inglesi.

 

Tipi di collezioni filateliche

La filatelia propriamente detta si interessa del collezionismo dei francobolli ma esistono numerosi rami collezionistici molto diversi tra loro. Ne elenchiamo solo alcuni:

  • La Filatelia Classica si occupa dei francobolli nuovi o usati divisi per Nazione.
  • La Filatelia Tematica si occupa dei francobolli di qualsiasi nazione divisi per "Tema".
  • La Storia postale si occupa di tutti i documenti viaggiati per posta.
  • La Aereofilatelia si occupa dello studio della Posta Aerea.
  • La Marcofilia si occupa dello studio degli Annulli Postali.
  • La Interofilia si occupa dello studio degli Interi Postali.
  • La Erinnofilia si occupa delle etichette e dei chiudilettera commemorativi.
  • La Fiscalfilia si occupa infine delle marche da bollo e delle marche fiscali.

Tra la filatelia propriamente detta, la storia postale e la marcofilia, esiste un tipo di collezione comune che è quello delle ‘’’buste primo giorno’’’ o ‘’’first day cover‘’’. Queste sono buste speciali che presentano un francobollo applicato ed annullato con un timbro particolare nel suo primo giorno di emissione.

Gli interi postali, sono cartoline, buste, biglietti o aerogrammi preaffrancati, con vignette e scritte indicanti il valore. Nei caso dei biglietti e degli aerogrammi sono dei fogli ripiegati con lembi gommati e talvolta perforati. L'affrancatura, che somiglia tutto e per tutto ad un francobollo, è stampata sul recto (in caso di variazioni di valore esiste anche soprastampata con le nuove cifre). Per conservare gli interi è necessario tenere integri questi oggetti, senza ritagliare la vignetta poiché l'Intero Postale ha valore come tale solo se conservato nella sua interezza. (Per i casi particolari vedi sopra.)

Filatelia Classica

La filatelia classica ha per oggetto lo studio ed il collezionismo del francobollo allo stato di nuovo o usato. Detti francobolli vengono in genere classificati e raccolti come segue:

  • Emessi da uno Stato come ad esempio l'Italia o da altri paesi nella loro completezza.
  • Emessi da uno Stato durante un particolare periodo storico. Ad esempio la collezione del Regno d'Italia che comprende le emissioni dal 1861 al 1946.
  • Collezione di studio. In genere vengono eseguite da filatelisti specializzati in un determinato settore raccogliendo tutte le possibili varietà di uno stesso francobollo.

Filatelia Tematica

  • Tematica indipendente. Ovvero la raccolta di francobolli che trattano nella vignetta solo un determinato argomento, indipendentemente dall’anno e dallo stato di emissione. Ad esempio la tematica dei Giochi Olimpici che comprende tutti i francobolli di tutti gli stati emessi per commemorare i giochi olimpici.
  • Tematica a soggetto. Ovvero la raccolta di tutti i francobolli che presentano nella vignetta un determinato soggetto ad esempio i treni.

Storia Postale

La storia postale ha per oggetto lo studio dei documenti viaggiati per posta al fine di eseguire un determinato servizio postale. Questi oggetti comprendono:

  • Buste viaggiate
  • Buste Primo Giorno
  • Cartoline
  • Aerogrammi
  • Interi Postali
  • Pacchi Postali
  • Carte Manoscritte
  • Fatture Commerciali
  • Giornali
  • Vaglia Postali
  • Ricevute di ogni tipo di servizio postale

Questi documenti vengono a loro volta suddivisi in: epoca, territorio, modalità di inoltro. Sono dunque importanti i timbri postali che questi documenti contengono, al fine di poterne ricostruire il percorso seguito per l’inoltro e la correttezza dell’affrancatura rispetto allo stesso. L’esame del documento postale affrancato avviene attraverso almeno 3 fasi:

  1. Accertamento dell’esatta natura del documento
  2. Esame degli eventuali servizi aggiuntivi
  3. Confronto fra la tariffa presente e la tariffa in vigore nel momento dell’annullo
  4. Ricostruzione, dove possibile, del percorso postale

Cataloghi Filatelici Italiani ed Esteri

Il catalogo è lo strumento di base indispensabile per il collezionismo perché rappresenta la bussola di riferimento per classificare i francobolli in base allo stato emittente, all'anno di emissione, ai colori, alle dentellature, alle filigrane e alle varietà presenti per quel determinato tipo di emissione. Inoltre, consente la corretta collocazione economica stabilendo la quotazione per l'esemplare nuovo, per quello usato e per quello su busta. Esistono in commercio numerosi cataloghi, che vengono aggiornati in genere annualmente. A puro scopo divulgativo, segue l'elenco delle più importanti pubblicazioni nazionali ed estere con l'indicazione delle aree trattate:

  • Catalogo Enciclopedico Italiano (Italia, Vaticano, San Marino, Colonie Italiane)
  • Sassone (Italia, Vaticano, San Marino, Colonie Italiane, Antichi Stati Italiani)
  • Bolaffi (Italia, Vaticano, San Marino)
  • Unificato (Italia, Vaticano, San Marino, Europa Occidentale 3 volumi, Australia e Israele, Stati Uniti d'America, Grecia Balcani Turchia e Cipro T., Russia URSS e Stati Baltici)
  • Vaccari (Antichi Stati Italiani)
  • Stanley Gibbons (Gran Bretagna e tutto il mondo)
  • Scott (U.S.A. e tutto il mondo)
  • Yvert & Tellier (Francia e tutto il mondo)
  • Michel (Germania e tutto il mondo)
  • Ceres (Francia, Monaco, Colonie Francesi)
  • Dallay (Francia, Monaco, Colonie Francesi)
  • Hellas (Grecia)
  • Zumstein (Svizzera)
  • Philex (Israele)
  • Bale (Israele e Palestine)
  • Facit (Danimarca, Finlandia, Norvegia, Svezia)
  • e molti altri ancora

Utile al Collezionista è anche la consultazione dei Cataloghi d'Asta e dei Listini di vendita per verificare il reale valore dei francobolli sul mercato e per potersi regolare all'atto di una eventuale compra-vendita. Alcune valutazioni infatti possono essere soggette a speculazioni momentanee. Anche i cataloghi sono soggetti a oscillazioni nelle quotazioni e per questo motivo hanno revisioni annuali. È importante sottolineare che è necessario utilizzare queste fonti come puramente indicative poiché molte sono le variabili da applicare per ogni singolo esemplare (ad esempio la centratura e lo stato di conservazione).

Periti Filatelici

Il perito filatelico rappresenta una importante figura professionale della filatelia. Questi professionisti svolgono una attività di verifica e di controllo dei francobolli rari e di valore che possono presentare un'alta probabilità di essere stati falsificati, riparati o truccati. Allo scopo, il perito filatelico emette un certificato di autenticità dell'esemplare esaminato che viene fotografato e per questo viene denominato "Certificato Fotografico". Il perito filatelico esegue anche le stime delle collezioni di francobolli attribuendo loro un corretto valore commerciale. In Italia operano pochi periti filatelici e per acquisire questo titolo professionale, dopo una dimostrata lunga esperienza nel settore, è necessario essere iscritti presso la Camera di Commercio nel ruolo dei "Periti ed Esperti" dopo avere superato un esame e presso il Tribunale della città ove si opera. Altro requisito importante è che essi non svolgano attività commerciali filateliche ad ulteriore conferma della loro professionalità ed imparzialità di giudizio.

Album Filatelici

Sono numerose le ditte che producono album di francobolli con fogli mobili e con taschine trasparenti. Essi sono di varie foggie e presentano diverse caratteristiche. Sono tutti decisamente molto belli e oggi come oggi anche molto sicuri per l'ottimale conservazione nel tempo dei propri francobolli. Elenchiamo qui di seguito a puro scopo divulgativo i nomi di alcune ditte Italiane e Straniere di Album Filatelici:

  • Marini, Italia
  • MasterPhil, Italia
  • Abafil, Italia
  • GBE Bolaffi, Italia
  • Zeus Euralbo, Italia
  • Safe, Germania
  • Leuchtturm, Germania
  • e molti altri ancora

LE SERIE

Serie detta "Democratica"

Emessa dal 1945 al 1948 è stata la prima serie ad essere emessa in periodo repubblicano, e reca dei soggetti con motivazione democratica. La serie in tutto comprende 23 valori, dal 10 centesimi al 100 lire. Allo stato di nuovo la serie è prestigiosa, in particolare il 30 lire e il 100 lire. Del 100 lire esistono numerose varietà e sottotipi, tra cui il più famoso è il tipo stampato su fogli con tappeto di ruote del tipo 1 (anziché tipo 2), che allo stato di nuovo vale oltre 16 mila euro.

Serie "Democratica" completa nuova.

Di seguito sono riportati i tipi più rilevanti di questa serie, che merita sempre un attento esame sia per la filigrana (nel caso del 100 lire per la dentelatura):

valorecolorazionecarta e gommanote
10c.bruno rossogrigia 
20c.brunogrigia 
20c.brunobianca 
25c.verde azzurrogrigia 
25c.verde azzurrobianca 
40c.ardesiagrigia 
40c.ardesiabianca 
50c.violettogrigia 
50c.violettobianca 
60c.verde nerogrigia 
60c.verde nerobianca 
80c.rosa carminiogrigia 
80c.rosa carminiobianca 
1 liraverde grigiogrigia 
1 liraverde grigiobianca 
1,20 lirebruno rossogrigia 
1,20 lirebruno rossobianca 
2 lirebruno lillagrigia 
2 lirebruno lillabianca 
3 lirerossogrigia 
3 lirerossobianca 
4 lirearanciogrigia 
4 lirearanciobianca 
5 lireazzurrogrigia 
5 lireazzurrobianca 
6 lireviolettobianca 
8 lireverde scurobianca 
10 lireardesiagrigiaÈ noto un raro falso dell'epoca realizzato a Milano. 
10 lireardesiabianca 
10 lirearanciobianca 
15 lireazzurrogrigia 
15 lireazzurrobianca 
20 lirelilla scurogrigia 
20 lirelilla scurobianca 
25 lireverde scurogrigia 
25 lireverde scurobianca 
30 lireazzurrobianca 
50 lirebruno lillagrigia 
50 lirebruno lillabianca 

100 lire "Democratica" - dentellatura lineare - stampa calcografica in fogli di 100.

valorecolorazionecarta e gommadentellaturanote
100 lirecarminio scurogrigiadent. 14 x 14 (13.90 x 13.90) 
100 lirecarminio scurogrigiadent. 14 x 14¼ (13.90 x 14.15) 
100 lirecarminio scurogrigiadent. 14¼ x 14 (14.15 x 13.90) 
100 lirecarminio scurogrigiadent. 13¾ x 14 (13.75 x 13.90) 
100 lirecarminio scurogrigiadent. 14 x 13¼ (13.90 x 13.30) 
100 lirecarminio scurogrigiadent. 13¾ x 13¼ (13.75 x 13.15) 
100 lirecarminio scurogrigiadent. 14¼ x 14¼ (14.15 x 14.15) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 14 x 14 (13.90 x 13.90) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 14 x 14¼ (13.90 x 14.15) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 14¼ x 14 (14.15 x 13.90) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 14 x 13¼ (13.90 x 13.30) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 14 x 13½ (13.90 x 13.45) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 13¾ x 13¼ (13.75 x 13.15) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 14¼ x 14¼ (14.15 x 14.15) 
100 lirecarminio vivobiancadent. 13¼¾ x 14 (13.15 x 13.90)Molto raro allo stato di nuovo.
100 lirecarminio vivobiancadent. 13½ x 14 (13.45 x 13.90)Molto raro allo stato di nuovo.
100 lirecarminio vivocarta grigia, gomma chiaradent. 14¼ x 14¼ (14.15 x 14.15)Tappeto di ruota alata 1
100 lirecarminio scurogrigiadent. ?filigrana lettere - Varietà. Rarissimo nuovo. Raro usato.
100 lirecarminio vivobiancadent. ?filigrana lettere - Varietà. Rarissimo nuovo. Raro usato.

Del 100 lire esiste un noto falso dell'epoca realizzato a Buenos Aires per gli emigrati italiani. Ha avuto una discreta circolazione ed è molto interessante. Fu stampato in 4 diverse tirature, una tipografica e tre litografiche. E' sempre senza filigrana e dentellato 11½.

Serie detta "Italia al lavoro

Serie emessa il 20 ottobre del 1950 rappresenta 19 figure di uomini e donne delle regioni italiane al lavoro. È stata stampata su fogli con filigrana ruota del tipo I, II e III e nel 1955 parte di francobolli sono stati stampati su carta con filigrana stelle del tipo I (il valore da 15 lire anche su carta con filigrana stelle del tipo II). Sono note molte varietà di posizione di filigrana e dei valori da 100 e 200 lire anche di dentellatura (come è avvenuto per il 100 lire della "Democratica").

Serie completa "Italia al lavoro", con filigrana ruota, emessi nel 1950.

Serie detta "Siracusana"

A partire dal 1953 fu emessa la serie ordinaria raffigurante l'Italia turrita detta "Siracusana", da prima con la filigrana tipo III, e poi nel tempo, a più riprese, con altri tipi di filigrana e in vari formati. La serie su carta con filigrana stelle nel 1955 fu poi riemessa, con l'aggiunta di alcuni valori, su carta fluorescente nel 1968. Ha perso la sua validità in tutti i suoi valori e le sue ristampe definitivamente nel 1988 (i valori da 40, 100 e 200 lire nel 1977).

Prima serie dell'Italia turrita, detta "Siracusana", con filigrana ruota tipo III.

 

 

Serie detta "Michelangiolesca"

La serie del 1961 ha come soggetti i volti disegnati principalmente nella Cappella Sistina di Roma da Michelangelo (solo il 200 Lire non è nella Sistina ed è l'autoritratto di Michelangelo). I valori sono da: 1, 5, 10, 15, 20, 25, 30, 40, 50, 55, 70, 90, 100, 115, 150, 200, 300, 500 e 1000 Lire (il 500 e il 1000 Lire sono di formato più grande e sono rispettivamente Adamo ed Eva). I valori da 10, 15 e 30 lire esistono anche per macchinette distributrici. Il valore proveniente da bobine, da 30 Lire, è molto raro ed è stato distribuito a Milano e in pochissime altre città.

Serie ordinaria d'Italia del 1961 "Michelangiolesca".

 

Serie "Alti valori"

La serie detta "Alti valori" è stata emessa per la prima volta nel 1978-79, e ristampata in molte tirature fino all'anno 2000. Reca una Italia turrita inserita in un riquadro colorato e cifre. La prima serie comprende i valori da 1500, 2000, 3000, 4000 e 5000 lire, più i valori emessi in seguito da 10000 lire (1983) e da 20000 Lire (1987). La stessa serie, con valori e colori cambiati, è stata riemessa nel 2002: 1, 1.24, 1.55, 2.17, 2.58 e 3.62 euro. Inoltre il 1 marzo dello stesso anno è stato emesso il valore complementare da 6.20 euro.

Serie "Alti valori" in euro, del 2002

Serie detta "Castelli d'Italia"

La serie dei "Castelli" è rimasta in uso dal 1980 fino all'esordio della serie "donne nell'arte", ma ancora viene utilizzata per affrancare la corrispondenza, specie quella privata. La serie comprende 33 valori emessi in fogli e 14 emessi in bobine per macchinette distributrici. Sono state approntate alcune ristampe: nel 1983/84 il 50, 100 e 550 Lire dentellati 13¼ anziché 14 x 13¼, nel 1991 il 50 lire "Rocca di Calascio" con la scritta IPZS-ROMA-1980" e nel 19994 il 200, 250, 300 e 450 lire stampati in rotocalco (anziché calcografia e offset).


 

Serie "La donna nell'arte"

Dal 1998 in poi sono stati realizzati moltissimi valori di questa serie ordinaria dedicata ai volti delle donne raffigurati nell'arte. Da prima in lire, sono poi stati ristampati in doppia valuta lire-euro, e infine definitivamente in euro. Esistono con dentellature e diciture differenti, specie i valori stampati in euro.

Serie "Posta Prioritaria"

Un nutrito numero di francobolli specifici per la posta prioritaria sono stati realizzati da prima solo del valore da 1200 Lire (anche in doppia valuta), e poi molti valori in euro, riproposti in numerose varianti, anche in libretti. Fino al 2007-2008 hanno avuto la tipica bandella autoadesiva di colore azzurro, con scritto "Posta Prioritaria - Priority Mail"

Serie dei francobolli per la posta prioritaria del 2003.

Serie "Logo della Posta in volo"

Nel 2009 è stato approntata una nuova serie ordinaria autoadesiva con il logo della Posta in volo, con una scia tricolore. I valori assolvono alle minime tariffe in vigore (0.60, 1.40, 1.50 e 2.00 euro). Non sono ancora stati stampati valori complementari.

 COLLEZIONARE FRANCOBOLLI

COLLEZIONARE FRANCOBOLLI

Collezionare francobolli è da sempre una passione di grandi e piccini.

Fin a poco tempo fa questo genere di collezione aveva davvero ricoperto un ruolo fondamentale negli hobby dimolti.

Molti amano collezionare francobolli timbrati con tanto di data di spedizione, altri, invece, che non hanno voglia di staccare e rincollare i francobolli, preferiscono comprare francobolli da collezione, ovvero quei francobolli già realizzati apposta per i collezionisti.

Molte case hanno realizzato collane di manuali per collezionisti di francobolli, che permettono agli amanti della filatelia, il più illustre degli hobby, di facilitare il loro lavoro.

Con tutti i francobolli che sono stati realizzati, nessun collezionista può aspettarsi di possedere un esemplare di ogni francobollo, per questo motivo molti amanti della filatelia preferiscono collezionare i francobolli a raccolte tematiche. Dividono i francobolli in categorie a seconda delle loro rappresentazioni: agricoltura, animali, Bibbia, musica, sport, cinema, olimpiadi e spazio per esempio.

I francobolli possoono essere anche divisi in altre due grandi categorie: i commemorativi, in occasione di particolari avvenimenti e anumero limitato, come, per esempio, i francobolli che sono stati recentemente realizzati in onore del matrimonio tra i famosi e tanto discussi Carlo e Camilla, e i francobolli ad uso ordinario.

Esistono anche collezionisti che amano collezionare francobolli con errori. Questo genere di collezione è molto più difficile da realizzare e anche molto più costosa.

Collezionare francobolli, infatti, può richiedere un costo elevato. I francobolli possono costare da quasi nulla a milioni di euro, chiaramente ognuno, seppur amnate della filatelia, potrà realizzare una collezione adatta alle sue tasche. 

Copyright © 2011 CollectionWeb. Per copiare immagini o/e testi rivolgetevi all’amministratore del sito.